Il Delegato Generale Thierry Fremaux aveva avvisato tutti: “Il programma non è definitivo. Aggiungeremo altri titoli”. Ecccoli: al Festival di Cannes 2018 (8/19 maggio) ci saranno anche The House That Jack Built di Lars von Trier (fuori concorso) e The Man Who Killed Don Quixote di Terry Gilliam, film, di chiusura, leggendario e infinito che il regista ha impiegato 20 anni per finire. La notizia è interessante per varie ragioni, a partire dal fatto che The House of Jack Built era uno di quei film che sulla Croisette si davano per sicuro. il film del danese Lars Von Trier , interpretato da Uma Thurman, Matt Dillon, Riley Keough, pare violentissimo. La storia è quella, sulla carta, di un Jack lo Squartatore contemporaneo. il fatto che il suo film sia stato inserito nel programma significa che Lars von Trier è tornato a essere persona grata…Nel senso che per sette anni è stata persona non grata. A e da Cannes. Dopo che nel 2011 aveva dichiarato durante la conferenza stampa di Melancholia che anche il nazismo aveva fatto delle cose buone. Espulso immediatamente dal festival, ora è stato perdonato e ci ritorna. Thierry Fremaux ha aggiunto anche altri film, questi sì in gara per la Palma d’Oro: Knife + Heart di Yann Gonzales con Vanessa Paradis (potrebbe essere il film scandalo di quest’anno. Infatti siamo a Parigi negli Anni 70 e l’ambiente è quello dei film pornografici…), Ayka di Sergey Dvortsevoy (l’autore di Tulpan: la ragazza che non c’era) e, soprattutto, il turco The Wild Pear Tree di Nuri Bilge Ceylan (lui la Palma d’Oro l’ha già vinta, per lo strepitoso Il regno d’inverno nel 2014). Infine non bisogna sottovalutare l’atteso documentario Whitney (su vita e musica, fortune e sfortune dell’iconica Whitney Houston) di Kevin MacDonald, Premio Oscar per Un giorno a settembre, sull’assalto di Settembre nero agli atlti israeliani durante le Olimpiadi di Monaco del 1972.  In apertura la prima immagine fatta circolare da Lars Von Trier dal set di The House That Jack Built.

 

Matt Dillon in The House That Jack Built

 

 

Scrivi