UB-Mayan-Temple1 Nato a Liverpool nel 1963, Carl Warner si è imposto come fotografo pubblicitario alla fine degli anni Ottanta. Prima si è formato al Maidstone College of Art dove ha affinato il suo talento di illustratore e poi si è laureato in fotografia al London College of Printing. Giudicando il suo lavoro sempre meno soddisfacente ha cercato strade nuove. Un giorno al mercato ha trovato dei funghi che ha immaginato potessero essere alberi di un mondo alieno. In studio li ha messi a confronto, fusi, con un paio di altri ingredienti, come semi di riso e fagioli. L’idea era di creare una scena in miniatura con un senso compiuto. Quella è stata la scintilla che gli ha permesso, nel 2008, di iniziare il progetto Foodscape. Grazie a un articolo sul Sunday Times il suo lavoro è stato apprezzato, molte immagini sono divenute virali in rete e aziende alimentari di tutto il mondo gli hanno chiesto campagne pubblicitarie e anche spot con uno spirito Foodscape. La conseguenza è stata il libro Carl Warner’s Food Landscapes. Sono quasi dieci che Warner lavora in questo suo universo:””Tendo a disegnare unUB-Great-Wall1 paesaggio molto convenzionale utilizzando classiche tecniche compositive. Lo scopo è ingannare lo spettatore e indurlo a pensare che sia un normale paesaggio. La scoperta che la scena è in realtà fatta con cibo regala un sorriso a chi guarda, per me questa è la parte più gratificante”. Il processo creativo è lungo ed elaborato. Per la costruzione delle immagini e del set ci vogliono almeno due o tre giorni e un altro paio se ne vanno per il ritocco, la messa a punto e la fusione dei vari elementi.

 

 

 

carl-4

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da un paio d’anni Warner sta lavorando ad un’altra serie. Questa volta fotografa  corpi umani che appaiono contorti, illuminati, manipolati in modo da formare paesaggi che ricordano aridi deserti e alte montagne. Per il fotografo londinese: ” In questo modo un corpo crea un senso di spazio differente, è come se diventasse un luogo dove è possibile vivere, abitare.”

carl-2

 

 

 

 

.

 

 

 

 

 

carl-3

 

 

 

 

Scrivi