Il documentarista Stefano Savona (Palazzo delle Aquile, Tahrir Liberation Square) partecipa alla Quinzaine Des Réalisateurs con La strada dei Samouni (Samouni Road). Nella periferia rurale di Gaza City una piccola comunità di contadini, la famiglia Samouni tenta di tornare a una vita normale. Sul filo dei ricordi, immagini reali e racconto animato (le animazioni sono di Simone Massi, autore per cinque edizioni della sigla e del manifesto del Festival di Venezia) si alternano a disegnare un ritratto di famiglia, prima, dopo e durante i tragici avvenimenti che hanno stravolto le loro vite in quel gennaio del 2009, quando, durante l’operazione israeliana “Piombo fuso”, vennero massacrati 29 membri della famiglia. Da quando la piccola Amal è tornata nel suo quartiere, ricorda solo un grande albero che non c’è più. Un sicomoro su cui lei e i suoi fratelli si arrampicavano. Si ricorda di quando portava il caffè a suo padre nel frutteto. Dopo è arrivata la guerra. Amal e i suoi fratelli hanno perso tutto. Sono figli della famiglia Samouni, dei contadini che abitano alla periferia della città di Gaza. È passato un anno da quando hanno sepolto i loro morti. Ora devono ricominciare a guardare al futuro, ricostruendo le loro case, il loro quartiere, la loro memoria. Ricorda il regista Stefano Savona: “A Gaza, all’indomani della guerra, ho incontrato delle persone che mi hanno raccontato con calma straordinaria gli eventi drammatici a cui erano appena sopravvissuti. Ho capito che per rendere loro giustizia, non potevo fermarmi alla constatazione della tragedia: la famiglia Samouni meritava che raccontassi la loro storia per intero, facendo rivivere sullo schermo anche il loro passato. Attraverso le immagini d’animazione, ho potuto ricreare i momenti chiave della loro storia: il cinema va oltre la cronaca e permette allo spettatore di avvicinarsi in maniera più intima e profonda al vissuto dei protagonisti”.

 

Scrivi