“Le nuvole si rimestavano a sudest come cavalli imbizzarriti. Il tifone Saola, lontano ancora trecento chilometri dalla costa, si stava avvicinando a Hong Kong. La rotta del tifone, veloce e imprevedibile, era proprio come il suo stesso nome[: il] leggendario animale, che ormai esisteva solamente nei database grafici sotto forma di pixel oppure come esemplare imbalsamato nei musei”.

 

 

Corale, complesso, ambizioso. Tre aggettivi che calzano alla perfezione a Marea tossica (Mondadori, pag. 418 euro 18), il romanzo di fantascienza dello scrittore cinese Chen Qiufan. La vicenda narrata nel libro è di ampio respiro, un lungo racconto epico in cui i destini di molte persone sono decisi dalle forze in campo che si muovono intorno a un evento di portata epocale, contendendosi una forma di vita ibrida dal potenziale sconfinato nata sul fondo della catena alimentare, un territorio cinese, Silicon Isle, un cimitero della plastica in cui i rifiuti tecnologici (sorpattutto protesi bioniche, braccia, gambe, occhi, organi sessuali) prodotti da tutto il mondo vengono scaricati per essere riciclati a costo della salute di masse di operai migranti attirati dalla chimera del riscatto sociale. Marea tossica è un romanzo gigantesco, da qualsiasi parte lo si guardi. Quattrocento pagine dense di personaggi e di vicende che Chen Qiufan orchestra con perizia trasformando una moltitudine di elementi in una vicenda corale che parte lentamente per poi alzare costantemente il ritmo in un crescendo che si fa via via più serrato con il progredire delle pagine. Silicon Isle è un microcosmo dolorosamente plausibile , una ferita ambientale aperta e purulenta che si potrebbe per molti versi confondere con una delle numerose discariche a cielo aperto ai margini del sogno liberista. Un mondo vivo e brulicante di esseri umani ognuno con le proprie motivazioni non sempre condivisibili ma mai infondate. La vicenda emerge in tutta la sua maestosa complessità proprio dall’intrecciarsi delle motivazioni, dei sogni e dei desideri di un grande numero di protagonisti che trovano il giusto spazio in una costruzione tanto ampia quanto delicata. Su tutti emerge Mimi, una ragazza che dopo un’esistenza passata fra i rifiuti sceglie di cercare un futuro differente…Ma Chen Qiufan gioca a livelli molto alti ma non solo a livello di scrittura. Marea Tossica è di una ricchezza disarmante anche sul piano tematico, sia per numero di argomenti toccati sia per la profondità con cui vengono trattati. Dall’ambiente alla disuguaglianza sociale, dall’animismo all’ibridazione uomo macchina, la portata filosofica del libro è figlia di una grande volontà di completezza, l’autore interroga il mondo in verticale e in orizzontale, armonizzando le domande in un unico grande interrogativo che tenta di abbracciare tutte le sfumature della realtà su tutti i livelli, bilanciando con grande equilibrio il rigore scientifico e lo slancio mistico. Marea Tossica mette in campo una narrazione muscolare e massimalista, una scrittura generosa che non tira indietro mai, nemmeno per un momento.

Scrivi