snark_04Snarkitecture studio rampante di architettura e design di Brooklyn, ha deciso di portare una sorta di oceano nel centro del National Building di Washington D.C. Per farlo ha trasformato l’acqua e le onde in quasi un milione di palline di plastica riciclabile e traslucide. L’installazione interattiva, The Beach, include sdraio bianche e ombrelloni per simulare il clima balneare, esaltato anche dall’imperante monocromia. Snarkitecture lavora principalmente nello spazio tra arte e architettura, esperienza sensoriale e design. Alex Mustonen e Daniel Arsham spiegano che il loro obiettivo è lavorare “sull’esperienza dello spettatore, sulla sua memoria, creando un parco giochi sensoriale con momenti  di interazione che permettono alle persone di animare, rendere vivo direttamente l’ambiente snark_01circostante.” La spiaggia virtuale, che sta riscuotendo un successo enorme, rimarrà aperta fino al 7 settembre, incoraggiando i visitatori a rimbalzare, tuffarsi, rilassarsi e soprattutto a socializzare.

 

 

 

 

Scrivi